fbpx
La rivoluzione sta arrivando...

IL PASSAGGIO DAL CHIMICO ALL’INKJET

In Inkjetrenovation, esamineremo il passaggio dalla stampa chimica alla stampa a getto d'inchiostro, illustrando le differenze delle due principali tecnologie di stampa. Confronteremo scientificamente la gamma di colori di vari profili di stampante / carta. Discuteremo degli ultimi studi sulla durata della stampa.


SCROLL DOWN

Il passaggio dal chimico all’inkjet

In Inkjetrenovation, esamineremo il passaggio dalla stampa chimica alla stampa a getto d'inchiostro, illustrando le differenze delle due principali tecnologie di stampa. Confronteremo scientificamente la gamma di colori di vari profili di stampante / carta. Discuteremo degli ultimi studi sulla durata della stampa.

LA RIVOLUZIONE DELL'INKJET

Il passaggio dalla "stampa chimica" a quella "inkjet" e la stampa Fine Art segnano una nuova era nel mondo della stampa. 

Si raggiunge una produttività che soddisfa le grandi Industry della stampa fotografica che possono guardare a questa tecnologia come alla svolta in termini di produttività oltre che di qualità.

Confrontando la stessa immagine stampata con le due tecnologie la differenza risulta particolarmente evidente per colori più vivi e dettagli più nitidi che prima erano poco visibili. Inoltre la tecnologia Inkjet, in combinazione con le proprie carte specifiche per questa tecnologia, permette di stampare foto con una qualità mai ottenuta in precedenza, dettagli non visibili dall'occhio umano e non riproducibile con la stampa chimica. Ulteriori punti di forza del sistema basato su tecnologia inkjet, sono:

  • supporti di stampa: potenzialmente illimitati, si può infatti stampare su una vasta gamma di "materiali"
  • Stampa di un Bianco e Nero perfettamente Neutro e stabile nel tempo
  • Stampa fronte-retro
  • colori: stampa più vicina all’ Adobe RGB, Gamut colore molto più ampio in assoluto.

STAMPA FINE ART

Letteralmente la terminologia inglese “Fine Art Prints” significa stampe per belle arti. Nella sua accezione più articolata non si riferisce solo alla fase finale di stampa ma a tutto il processo produttivo che accompagna il fotografo dal momento dello scatto alla stampa finale dell’opera. La differenziazione tra una stampa classica e una stampa Fine Art è questione secolare. Questo valore, oltre al rilievo aggiunto dato dall’artista, deve garantire una serie di specifiche qualitative e di durevolezza. La qualità deve soddisfare l’esigenza primaria di soddisfazione visiva, le stampe devono possedere un’ampia estensione tonale, avvalersi di supporti capaci di restituire bianchi intensi senza l’utilizzo di sbiancanti ottici, la carta deve essere priva di acidi o componenti chimici deteriorabili e ossidabili con il passare del tempo. La durevolezza delle stampe deve essere sostenuta per almeno 60 anni, questa garanzia assicura che per il tempo indicato, non ci saranno alterazioni/variazioni di croma (colore), contrasto e brillantezza generale dell’immagine.

CONFRONTO FOTOGRAFICO TRA LA STAMPA FINE ART E LA STAMPA CHIMICA

Alcuni dei più rinomati fotografi hanno adottato la stampa Fine Art perché riescono a tirar fuori dalle stampe dettagli, gamut e profondità che la stampa chimica nasconde.
Lasciamo qui di seguito una serie di confronti fotografici per i quali non esprimeremo alcun giudizio.
Osserva attentamente le immagini, i colori, le luci, i dettagli
(le immagini sono state stampate nel formato 20x30cm con carta Fine Art. Scorri il cursore a destra e a sinistra per confrontare le due foto.)
Laboratorio fotografico chimico
Sistema Fine art Digigate

Diego Russo


Laboratorio fotografico chimico
Sistema Fine art Digigate
Fernando Cerrone


Laboratorio fotografico chimico
Sistema Fine art Digigate
Cecè Carnuccio


Laboratorio fotografico chimico
Sistema Fine art Digigate



Laboratorio fotografico chimico
Sistema Fine art Digigate

MINILAB DRYLAB

Soluzione Drylab

Il getto d'inchiostro sostituisce sempre più prodotti chimici. Negli ultimi anni ci sono stati cambiamenti significativi anche nel Minilab Drylab sostituendo sempre più la chimica e il numero di immagini stampate su carta a getto d'inchiostro continua ad aumentare.
I vantaggi di un drylab sono:
  • Bassi costi di investimento;
  • Bassi costi di stampa;
  • Funzionamento semplice e intuitivo;
  • Privo di odori;
  • Basso consumo energetico di circa 120W;
  • Gamma di colori molto ampia;
  • Ampia scelta di supporti.

I PRO E CONTRO della stampa chimica VS stampa INKJET

Diamo un'occhiata da vicino ai pro e ai contro delle stampe di laboratorio e dei pigmenti in base a fattori importanti.
Mentre ci sarà sempre un acceso dibattito tra i sostenitori delle tradizionali stampe da laboratorio fotografico e i sostenitori della tecnologia a getto d'inchiostro, i fatti parlano da soli.
La decisione definitiva dipende da quanto apprezzi la gamma di colori e la longevità rispetto al costo, all'estetica personale e al mercato di riferimento se vendi il tuo lavoro.
Inkjet Prints Digital C-Prints
Durata della stampa Quantità e velocità di stampa
Gamut colore
Selezione della carta
Selezione delle bande
Formati File accettati / Spazi colore
Considerazioni ambientali
Controllo totale del processo di stampa
Accettazione nei Musei e Gallerie

FOTO DURATURE E DI QUALITÁ

É importante avere una comprensione dei fattori che influenzano la longevità delle stampe per prendere decisioni informate e assicurare che quelle stampe fotografiche durino un tempo previsto.
In passato, la maggior parte delle stampe a colori sono state prodotte da laboratori o fornitori di servizi utilizzando un processo basato su sostanze chimiche con materiali ottenuti da pochi produttori. Il numero di aziende che producono materiali sensibilizzati tradizionali oramai sono pochi, ma ci sono differenze significative di permanenza della stampa in questi prodotti che possono essere dimostrate. Sfortunatamente pochi consumatori sanno che ci sono differenze e che hanno delle scelte.
Non ci sono dubbi sul fatto che le stampe inkjet superano di molto le Chimiche. Poiché queste ultime sono a base di coloranti, sono più suscettibili al deterioramento rispetto alle prime se esposte a luce, calore e umidità, anche se incorniciate dietro un vetro. Gli studi rivisti di Henry Wilhelm (Fondatore di Wilhelm Imaging Research), utilizzando criteri di test, hanno abbassato le stime di longevità per la carta Silver-halide (in condizioni di visualizzazione tipiche) a 20 anni, in calo rispetto ai 60 anni citati negli studi precedenti. In netto contrasto, le stampe a getto d'inchiostro possono durare per oltre 200 anni, in condizioni ambientali e di visualizzazione adeguate.

VASTA GAMMA DI COLORI

Non c'è dubbio che le stampanti professionali a getto d'inchiostro di oggi sono in grado di riprodurre colori che si avvicinano a quelli dello spazio colore Adobe RGB, nel territorio ProPhoto RGB. ProPhoto RGB è l'unico spazio colore abbastanza grande da contenere tutti i colori che un sensore della fotocamera può catturare. Ovviamente la gamma dei colori dipende dalla qualità del profilo ICC, set di inchiostri, stampante e carta utilizzati.

Al contrario, le gamme di stampa in laboratorio fotografico non riescono neanche a coprire lo spazio sRGB. Un'eccezione si trova nell'area dei blu e dei magenta molto saturi.

Molto probabilmente questo è dovuto all'uso di coloranti contro pigmenti. Le stampanti a getto d'inchiostro utilizzano una gamma più ampia di inchiostri a colori, sia a tinta che a pigmento, rispetto a qualsiasi altro processo di stampa. Inoltre, le stampe a pigmenti a getto d'inchiostro presentano un contrasto maggiore, sfumature di colore più uniformi, neri più profondi (Dmax) e dettagli di ombre più fini rispetto alle stampe a colorante chimico.

SELEZIONE DELLA CARTA

Il vantaggio va alle stampe a pigmenti a getto d'inchiostro. Oggi c'è un numero sorprendente di carte eccellenti, sia foto che opache, disponibili per la stampa a getto d'inchiostro.

Dalla tela, cotone e kozo (gelso), al baritono e al bambù, questa vasta selezione di carte consente di esprimere in modo personalizzato la tua immagine in stampa. D'altro canto, la selezione della carta da stampa fotografica in laboratorio è molto limitata in confronto.

Si noti che, nel complesso, le stampe C sono più robuste e meno fragili delle stampe a getto d'inchiostro e sono meno suscettibili ai graffi e ai graffi. Naturalmente questo dipende dalla carta

STORIA DELLA STAMPA FOTOGRAFICA NEL TEMPO

Verso la fine del XIX secolo la maggior parte delle immagini fotografiche furono catturate con sali d'argento sensibilizzati rivestiti su lastre di vetro ingombranti. Dopo l'esposizione alla luce, le placche sono state sviluppate chimicamente formando un'immagine invertita o negativa, da qui il termine "negativo". Dopo aver "fissato" l'immagine negativa, il fotografo ha creato una stampa positiva contattando individualmente il negativo con una carta sensibilizzata che è stato quindi sviluppata chimicamente. Il processo era complicato e costoso e i fotografi dilettanti erano pochi.
Sul tardi del XIX secolo la pellicola flessibile a rullo divenne commercialmente valida. Questo film, che poteva essere trasportato attraverso fotocamere portatili più piccole, consentiva agli utenti di effettuare numerose esposizioni. Senza lastre di vetro pesanti, rigide e fragili, la produzione di stampe fotografiche è diventata relativamente facile. Presto i non professionisti hanno iniziato a fotografare.
Nel 1951 nasce la stampa inkjet. L’inchiostro viene spinto verso l’ugello e poi spruzzato in gocce minuscole sulla superficie in due modi differenti: attraverso l’impiego di un cristallo piezoelettrico che percosso da corrente si piega e fa cadere una goccia d’inchiostro sul supporto oppure attraverso il riscaldamento dell’inchiostro per creare una bolla fino ad arrivare a scoppiare e colpire la carta.

SOLUZIONI DI STAMPA

Digigate è in grado di offrirti un sistema di attrezzature, forniture e supporti necessari per garantire servizi di stampa immediata, veloci e di qualità, in completa autonomia con il minor consumo d'inchiostro possibile.
Ciò che rende il nostro sistema brevettato il più competitivo tra tutti è infatti il basso costo di stampa che è solo ed esclusivo Digigate. La profilatura e la calibrazione effettuate ad hoc in esclusiva con apparecchiature professionali conferiscono al sistema nella sua completezza il miglior risultato di qualità unito ai bassi costi reali di stampa.

CARTA DIGIPAPER

Vasta gamma di carte e supporti per la stampa inkjet, dalla carta fotografica alla tela canvas, alla fine art, al supporto speciale, tutti testati per la migliore resa possibile.

Inkjet Renovation's